Trifoglio e Scrofularia

L’apicoltore non ha ancora portato le arnie. Intanto guardo i fiori che ci sono in questo momento. Finalmente è migliorato il tempo ed è stato possibile camminare nelle golenali del Brenta. C’è un grande terreno che in seguito alle recenti inondazioni non è coltivato. Apparentemente non era possibile arare e seminare. Ci crescono ora dei fiori selvatici tra i quali uno predomina: il trifoglio incarnato (trifolium incarnatum) o a fiore rosso. Gli Inglesi lo chiamano “trifoglio italiano”. Benché io risieda già da decenni in Italia, non avevo ancora mai visto questo trifoglio. Un bellissimo colore.

incarnato1

trifoglio rosso

incarnato2

Trifoglium incarnatum

incarnato3

Un campo di trifoglio incarnato

Nel bordo del bosco invece troviamo un fiore dall’aspetto estremamente insignificante: Scrophularia nodosa ossia Scrofularia dei boschi. In questo momento vi si trovano dei bruchi molto belli. Abbiamo scoperto che si tratta probabilmente di due specie di farfalle. Ambedue sono farfalle notturne e non molto attraenti, ma i bruchi sono una meraviglia. Essi sono o il bruco della Shargacucullia verbasci o della Shargacucullia scrophulariae. Non sono disponibili i nomi comuni. Ambedue usano la Scrofularia come pianta ospite.

rups4

Bruco sulla scrofularia

rupsgeknipt2klein

Il bruco presso il piccolissimo fuore di Scrofularia

8 giugno 2013

Annunci

2 thoughts on “Trifoglio e Scrofularia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...